Partner

Chi siamo

SCOPO ASSOCIATIVO/FINALITÀ
Promuovere la partecipazione dei cittadini alla difesa e alla definizione della propria qualità della vita, favorendo una migliore organizzazione sociale e una modifica dei comportamenti individuali e collettivi.
Perseguire la protezione della persona umana, delle specie animali e vegetali, dell’ambiente. Battersi per la pace e la cooperazione fra tutti i popoli al di sopra delle frontiere e barriere di ogni tipo, per il disarmo totale, nucleare e convenzionale.
Battersi per un nuovo ordine internazionale e contro la fame nel mondo, per aiuti concreti e per la soluzione dei problemi alimentari, tecnologici, sanitari, finanziari, culturali dei paesi in via di sviluppo. Lottare contro ogni forma di sfruttamento, di ignoranza, di ingiustizia, di discriminazione e di emarginazione.
Operare sui temi della conoscenza, della ricerca, del rapporto tra scienza, cultura e lavoro, per rompere le forme di esclusione della conoscenza, promuovere la diffusione della cultura e formare una coscienza scientifica di massa.
Per il raggiungimento dei fini sociali, utilizzare gli strumenti processuali che ritiene di volta in volta più idonei.
Organizzare campi di lavoro per il recupero ambientale, il risanamento di strutture urbane, la bonifica di ambienti litoranei, il rimboschimento di colline e montagne, il recupero di terre incolte, il disinquinamento di zone agricole e industrializzate.
Promuovere e organizzare di ogni forma di volontariato attivo dei cittadini, al fine di salvaguardare e/o recuperare l’ambiente.
Promuovere e svolgere attività di vigilanza per il rispetto delle leggi e delle norme poste a tutela della fauna, della flora e dell’ambiente, nel quadro delle leggi regionali, nazionali e internazionali vigenti.

ATTIVITASVOLTE
Le attività del circolo IBIS per l’ambiente di Crotone, dal 1981 ad oggi, hanno spaz
iato dal monitoraggio delle acque di balneazione alla tutela dell’ecosistema dei fiumi, dalla pulizia di aree degradate alla conservazione di grandi e piccoli monumenti, dalla valorizzazione dei piccoli comuni al monitoraggio dell’inquinamento ambientale e acustico dei grandi. Senza dimenticare la lotta all’abusivismo edilizio, le attività di sensibilizzazione e educazione ambientale rivolte ai bambini e in generale l’attenzione ai progetti e ai problemi che deturpano l’ambiente.
Ha organizzato eventi di s
ensibilizzazione sui temi dell’ambiente e della salute attraverso le campagne nazionali “Spiagge pulite”, “Puliamo il Mondo”, “Festa dell’albero”, “Goletta Verde”, “Mal’Aria”, “Operazione Fiumi”, “Piccola Grande Italia” ed anche con iniziative locali come un censimento delle 

discariche e degli impianti di smaltimento rifiuti presenti nella nostra città ed una serie di edizioni della “ViviNeto” per il controllo della salute del fiume Neto.

Negli ultimi anni c’è stato un forte impegno nella valorizzazione del Laboratorio di educazione ambientale nel Parco archeologico di Capo Colonna ribattezzato “Oasi del Martin Pescatore” un ecosistema incontaminato nell’incantevole cornice del promontorio lacinio. Un paradiso per appassionati di natura e birdwatching

Nel 2007 Il Circolo “Ibis” di Crotone ha inaugurato il Laboratorio di educazione ambientale nel Parco archeologico di Capo Colonna nell’ambito della terza Campagna nazionale di Legambiente “SalvaItalia” per il recupero di aree a forte degrado ambientale e sociale.
Il Laboratorio ricade in un terreno di circa 2 ettari e mezzo, che è stato acquisito dalla Soprintendenza,
mediante esproprio, nell’ambito del più vasto progetto del Parco per realizzare un impianto forestale a macchia mediterranea.

All’interno di tale sito è stato realizzato un Laboratorio di educazione ambientale con:

– La creazione di un punto di osservazione naturalistica, in particolare degli uccelli selvatici nel loro habitat naturale (attività di birdwatching), con relativi percorsi di accesso per i disabili.
– La costruzione di un capanno in legno adiacente allo stagno da cui parte un percorso di accesso che
consente ai visitatori, soprattutto studenti, di raggiungere l’acqua per effettuare delle analisi sulla flora e la fauna acquatica.

Sempre in quest’area nel 2017 è stata organizzata l’iniziativa “Spiagge e fondali puliti” in collaborazione con l’AMP, la Capitaneria di Porto di Crotone, Associazioni di Sub e cooperative pescatori.

Inoltre il Circolo ha da tempo un comparto escursioni molto importante affiliato alla Federazione Italiana Escursionismo. Dedicato ai soci ed appassionati per conoscere, far conoscere e tutelare le nostre montagne, i borghi ed il territorio in genere.
Anche quest’anno il Circolo Ibis sta realizzando un programma di uscite che verranno effettuate nel corso della stagione. La partecipazione non è riservata ai soli soci ma a tutti coloro i quali abbiano il desiderio scoprire le bellezze della nostra terra.

Attualmente l’associazione, ha avuto in consegna dalla Procura della Repubblica di Crotone un imbarcazione a vela confiscata. Questa imbarcazione che da tempo il circolo aspettava, diventera’ uno strumento fondamentale dell’attività associativa, in quanto si è pensato di farne una barca tecnica ed ecocompatibile per ricerche scientifiche.

L’imbarcazione che abbiamo ricevuto si presta molto a questo tipo di attivita’, in quanto trattasi di un unita’ a vela per la navigazione oceanica.
Gli studi che abbiamo intenzione di effettuare, in collaborazione con enti pubblici, universita’ e altre associazioni di settore, sono da considerarsi delle novita’ in campo nazionale.

In particolar modo, oltre alla collaborazione storica con la riserva marina Capo Rizzuto e il Ministero dei beni culturali per la valorizzazione del parco archeologico di Capo Colonna e della riserva (sondaggio delle acque, campagna di esplorazione dei relitti e dei fondali, con l’ausilio di un rov subacqueo, per poter permettere alle persone diversamente abili, di visionare e studiare le bellezze delle profondità marine crotonesi).Inoltre e’ intenzione del Circolo effettuare campi di ricerca a mare per il censimento degli uccelli marini , attivita’ che su tutto il territorio nazionale non e’ stata mai effettuata. 

Da anni ormai , il circolo collabora con le forze dell’ordine , diventando uno strumento di riferimento per queste istituzioni ( Carabinieri, Carabinieri Forestali, Polizia di stato, Vigili del Fuoco e Procura della Repubbica) ci contattano costantemente per operazioni di recupero e salvataggio di animali selvatici in difficolta’.

Esperienza progettuale

Laboratori/animazione di quartiere/co-working

– Lab. 1 – Naturalistico 

Laboratorio di osservazione e studi naturalistici del centro storico: il naturalista “Armando Lucifero e l’atlante ornitologico urbano della Città vecchia”.

Osservazione degli aspetti naturalistici relativi al centro storico e approfondimento attorno alla figura del naturalista Armando Lucifero, cui è intitolata la Biblioteca comunale, e ai suoi studi su mammiferi e uccelli.

– Lab. 2 – Storico 

“Alla scoperta della Città storica: miti e leggende”: percorsi di visita guidata anche opzione visite virtuali.

– Ciclo di percorsi di visita guidata nel Centro storico al fine di far percepire e conoscere il patrimonio storico culturale di Crotone.

– Creazione di una Cartina turistica del centro storico: gruppo di lavoro di consultazione, ricerca, ideazione della cartina turistica sui miti e leggende della Città Vecchia.

Nell’ambito del progetto il Circolo Ibis per l’Ambiente OdV di Crotone propone un ciclo di attività in collaborazione con la LIPU Calabria mediante lo studio e le osservazioni naturalistiche da effettuarsi nella città vecchia.

Le uscite sono finalizzate alla creazione dell’atlante ornitologico urbano.

Le città sono dei mosaici di tessere ambientali, variegate e compenetrate: troviamo blocchi di edifici storici (che agli occhi degli animali sono habitat rupestri), giardini e corti private, aree verdi, quali la villa comunale e i viali alberati, con caratteristiche più o meno naturali, ecc.

Ciascuno di questi ambienti ospita piante ed animali caratteristici.

Le cosiddette ciavole che abitano da secoli le mura del castello e i rondoni che stagionalmente giungono dall’Africa per nidificare sotto i coppi, verranno censiti e classificati per capire abitudini, numeri di individui e tanti altri aspetti curiosi e scientifici della loro vita urbana.

Le osservazioni proseguiranno con altre tre uscite sempre nel Centro storico ma con appuntamenti diversi: la torre dell’orologio del vecchio municipio, le torri e il fossato del castello, la villetta di piazza Umberto I con l’adiacente giardino del Liceo Classico.

Il progetto, per l’alta valenza scientifica, è coordinato dalla Lega Italiana Protezione Uccelli, LIPU coordinamento regionale Calabria.

Inoltre per celebrare lo storico naturalista Armando Lucifero, nato e cresciuto nella sua casa natale di via Risorgimento, si terranno due incontri alla Casa della Cultura, con “il personaggio e la sua storia”, e al Liceo Classico con il commento del suo noto libro “Mammalia calabra”.

Un secondo ciclo di uscite e/o webinar è finalizzato alla conoscenza degli aspetti storici e architettonici del città vecchia. Le esperte guide dell’associazione accompagneranno i partecipanti nelle strette vie per quattro diversi appuntamenti: il C.s. polo e contenitore di servizi culturali; figure e segni a protezione dell’abitato; il fitto tessuto abitativo ed ecclesiastico; la città fortezza di Giangiacomo D’Acaya.

Le attività progettuali, il cui calendario è consultabile di settimana in settimana sul portale del progetto avverranno nel pieno rispetto della normativa Covid-19. Durata: 2-3 ore con la partecipazione di massimo 20 pax o modalità  webinar

Foto gallery

Video gallery

I nostri contatti

E-MAIL circoloibis@gmail.com; circoloibiskr@pec.it

Condividi su