Partner

Chi siamo

Noi mamme e bebe’ e’ un’associazione culturale che nasce nel Novembre 2016.
Un grande cuore che contiene al suo interno mamme e bambini, così come evocato dal logo che la rende riconoscibile , l’universo di noi mamme e bebè è completo e variegato, ha come obiettivo primario promuovere iniziative mirate al miglioramento delle condizioni culturali e sociali del territorio con particolare attenzione per la questione materno infantile. La spinta associativa, nata in modo spontaneo attraverso la connessione social ha da subito dato vita a iniziative importanti nate dalla connessione con altre realtà associative del territorio, la rete creata conta più di 3000 mamme e 150 associati che comunicano costantemente attraverso un canale social dedicato scambiando informazioni e sopperendo alle necessità dei meno fortunati.

Noi mamme e bebè si è fatta promotrice negli anni di eventi divulgativi organizzando convegni e incontri sulla maternità, eventi formativi attraverso l’organizzazione di corsi per portare in fascia e di corsi di massaggio infantile. Fiore all’occhiello dell’associazione i laboratori didattici e creativi che con il supporto di professionisti del settore hanno intrattenuto più di 1000 bambini in 3 anni portando sul territorio modalità espressive e didattico fino ad allora sconosciute. Noi mamme e bebè è un’associazione senza scopo di lucro, è per questo che tutti i proventi delle attività svolte sono stati impiegati nel tempo per iniziative sociali e solidali a favore di singoli o di enti pubblici.

Esperienza progettuale

Ri/leghiamoci

In un momento storico delicato in cui la normalità è rappresentata dal distanziamento sociale, il libro e la lettura diventano collante di una socialità che deve trovare nuove forme per esprimersi, è per questo motivo riteniamo che la biblioteca comunale possa svolgere un ruolo di sostanziale importanza sociale al fine di accorciare le distanze culturali ed emotive .

Il progetto Ri/ leghiamoci si rivolge ad un pubblico di età compresa tra i 3 e i 12 anni. Sono proprio i più piccoli a risentire di questo clima di incertezza e aver ridotto drasticamente i momenti di scambio e socialità, e attraverso il nostro progetto intendiamo portare avanti diversi obiettivi

1. Rendere fruibile ad un pubblico esteso il patrimonio librario della biblioteca comunale attraverso la divulgazione attiva dei testi presenti e l’ implementazione della stessa con i titoli oggetto dei lavoratori realizzati
2. Contrastare la dispersione scolastica favorita dalla lunga assenza dalla frequentazione scolastica
3. Avvicinare le famiglie alla lettura attraverso l’offerta di una differente fruizione del libro .

La promozione del libro e della biblioteca diventa un’occasione di crescita culturale e educativa attraverso la realizzazione di particolari laboratori di lettura da tenere in modalità multimediale e, ove possibile, in presenza all’interno di spazi dedicati all’infanzia all’interno dei locali della biblioteca comunale.

Un progetto di animazione che vede al centro la biblioteca comunale che sarà dinamica e arriverà direttamente dentro le camerette dei bambini.

Grandi lettori proporranno un libro che verrà raccontato nei modi più disparati.

· Lettura ad alta voce
· Laboratori creativi
· Laboratori culinari

Il libro diventa così un mondo da esplorare che prende per mano il piccolo lettore e lo accompagna in mondi nuovi e fantastici, dove l’unico limite è la sua fantasia.

Gli strumenti della nuova comunicazione saranno sicuramente di supporto al progetto e vari questionari di gradimento ci diranno in tempo reale dove intervenire per migliorare il servizio.

“Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti.”

Questa frase di Gilbert Keith Chesterton racchiude tutto il potere di quei “C’era una volta” che tanto amiamo. Luoghi incantati, ma anche personaggi avventurosi e straordinari che ci insegnano, attraverso un viaggio nell’immaginazione, a credere nei sogni, ad essere coraggiosi e determinati, ad amare ed essere altruisti. La funzione della rappresentazione grafica delle scene del libro favorisce l’apertura emotiva del bambino e la sua propensione ad effettuare uno scambio emotivamente attivo con l’atto per mezzo della lettura che svolge la delicata funzione di intermediazione tra sè e l’altro.

Foto gallery

Video gallery

I nostri contatti

E-MAIL barilarimarianna@gmail.com; zurlovittoria@gmail.com

Condividi su